Maternità anticipata dal lavoro per gravidanza

CHE COS'È
Le lavoratrici madri possono chiedere l'astensione dal lavoro per gravidanza a rischio per i seguenti motivi:
a) in caso di gravi complicanze della gravidanza (gravidanza a rischio o rischio di aborto)
b) quando le condizioni di lavoro o ambientali siano pregiudizievoli alla salute della donna e del bambino o per l'impossibilità di adibire la lavoratrice ad altre mansioni (la richiesta può essere fatta anche dal datore di lavoro).
c) quando la lavoratrice svolge lavori gravosi o pregiudizievoli.
Le lavoratrici madri (o il loro datore di lavoro) possono anche richiedere l'interdizione dal lavoro per un periodo post-partum (fino al settimo mese di vita del bambino) quando svolgono mansioni gravose o pregiudizievoli e non possono essere spostate ad altre attività.
COSA OCCORRE
Cosa serve per presentare la domanda di astensione anticipata al lavoro per gravidanza a rischio:
  • Modulo di richiesta di astensione anticipata dal lavoro  
  • Certificato di gravidanza in originale rilasciato da un ginecologo 
  • Copia di documento di riconoscimento 
 
DOVE ANDARE
Per richiedere informazioni e fare domanda rivolgersi a 
Servizio di Igiene Pubblica dell'Azienda Usl di Ferrara
Via Fausto Beretta, 7 
Per informazioni è possibile telefonare ai numeri 0532/235275 - 270 negli orari di apertura dello sportello.
Lo sportello è aperto nei giorni: lunedì e giovedì dalle 9 alle 12.30
Maggiori informazioni sono disponibili sul sito dell'Azienda USL di Ferrara.
INFORMAZIONI UTILI
Se la certificazione è rilasciata da un ginecologo libero professionista, va confermata da un certificato di gravidanza a rischio da parte di un ginecologo del Servizio Sanitario pubblico. Il provvedimento di astensione anticipata dal lavoro sarà spedito dall’Azienda Usl di Ferrara all'INPS, e all'indirizzo di posta elettronica indicato dalla lavoratrice.
Sarà cura della lavoratrice consegnare al proprio datore di lavoro il provvedimento definitivo qualora non abbia indicato l’indirizzo e-mail dello stesso. In caso contrario il provvedimento viene inviato per via telematica tramite e-mail anche al datore di lavoro. Nel caso in cui la richiedente non abbia un indirizzo e-mail personale il provvedimento viene inviato tramite posta ordinaria al domicilio indicato.

Azioni sul documento

pubblicato il 2017/12/01 08:00:00 GMT+1 ultima modifica 2017-12-01T10:25:00+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina