Assegno di maternità dei Comuni dell'Unione

COS'E':

L'assegno viene concesso per la nascita di un figlio/a alle madri che non beneficiano di trattamenti previdenziali di maternità o che ne beneficiano in misura ridotta rispetto all'importo del presente assegno.

L'assegno viene concesso anche in caso di affidamento preadottivo o di adozione di un minore di età non superiore ai 6 anni (o ai 18 anni in caso di adozioni o affidamenti internazionali).

COSA OCCORRE:

I requisiti per richiedere l'assegno sono i seguenti:
- residenza in un Comune dell'Unione;
- non beneficiare di trattamenti previdenziali di maternità a carico dell'INPS o di altro Ente per la stessa nascita o beneficiarne in misura ridotta rispetto all'importo dell'assegno;
- attestazione I.S.E.E. (valido per le prestazioni rivolte al minore in oggetto) in corso di validità con valore non superiore ad € 17.141,45.

L'assegno può essere richiesto dalle cittadine italiane (o di un altro Stato dell'Unione Europea) o dalle cittadine di uno Stato non appartenente all'Unione Europea in una delle seguenti condizioni:
- rifugiata politica, sua familiare o superstite;
- apolide, sua familiare o superstite;
- titolare della protezione sussidiaria;
- aver soggiornato legalmente in almeno due Stati membri, sua familiare o superstite;
- familiare di cittadino dell'Unione Europea o di cittadino lungosoggiornante, non avente la cittadinanza di uno Stato membro e titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente;
- titolare del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo;
- cittadina/lavoratrice del Marocco, Tunisia, Algeria e Turchia, sua familiare;
- titolare del permesso unico per lavoro o con autorizzazione al lavoro (ad eccezione delle categorie espressamente escluse dal D. Lgs 40/2014), sua familiare.

Documenti da presentare:
- domanda redatta su apposita modulistica;
- fotocopia del documento d'identità;
- (per le cittadine di Stati non appartenenti all'Unione Europea)  fotocopia del documento di soggiorno in corso di validità o della ricevuta attestante la richiesta di rinnovo;
- fotocopia del codice IBAN.

DOVE ANDARE:
Sportello sociale (pdf, 24.4 KB) del proprio comune di residenza

INFORMAZIONI UTILI:

La domanda deve essere presentata dalla madre presso lo Sportello sociale-educativo del Comune di residenza entro 6 mesi dalla nascita del figlio/a  (o dall'ingresso in famiglia del minore in affidamento preadottivo o in adozione).

L’istruttoria per la concessione dell’assegno di maternità è effettuata dall'Unione entro 60 giorni dalla data di presentazione della domanda.

L'assegno viene erogato dall'INPS in un'unica soluzione entro 45 giorni dalla trasmissione dei dati da parte dell'Unione.

Azioni sul documento

ultima modifica 2018-07-23T11:39:00+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina