Co-housing: una risposta per i padri separati in difficoltà

Stanno prendendo piede in regione progetti dedicati ai padri separati in difficoltà economica, che offrono ospitalità in appartamenti a costi agevolati. L'ultimo nato a Parma il progetto Io sto con te.

Essere un padre separato oggi, che cosa significa? Quali difficoltà attraversa il genitore, nel difficile percorso di costruzione di una nuova identità familiare e contemporaneamente di mantenimento del legame relazionale con il proprio figlio o figli?


Ragazza padre ritratto by Dagon on Pixabay


Dal punto di vista sociale la donna mamma sembra aver suscitato molta più attenzione in termini di protezione e sostegno, così come il bambino, in quanto minore e bisognoso di tutela per definizione, infatti in seguito alla separazione, in genere la casa familiare viene assegnata al coniuge, che ha l’affidamento dei figli (di solito la madre) e l’altro deve corrispondere una quota per il mantenimento dei figli; quota a cui poi si va ad aggiungere l'affitto di una nuova casa, con evidenti difficoltà, in tante situazioni, di sostenibilità economica.
Il risultato è che spesso i padri, a seguito di una separazione, si trovano fuori casa con uno stipendio, che non è più sufficiente a coprire le spese e con il rischio di finire in strada, magari a dormire in macchina o in situazioni indecorose.

È a loro che si rivolgono i progetti di co-housing, che hanno lo scopo di offrire ai padri separati in difficoltà  una casa ad un costo sostenibile, prevedendo in alcuni casi l'affiancamento di professionisti (psicologi, avvocati, neuropsichiatri...) per supportare i padri durante il percorso. Agli ospiti viene richiesto un contributo minimo mensile per spese.

In Emilia Romagna segnaliamo a Rimini il "Residence dei babbi", un progetto  che prevede l'inserimento di 8 padri separati, per un massimo di 18 mesi, all'interno di una struttura con 8 mini appartamenti e zone comuni. A supporto sono previsti percorsi psicologici e legali. Per informazioni consultare la nostra scheda informativa "Residence dei babbi" .

A Ferrara, c'è il progetto "Mai da soli", realizzato dall'associazione "Mai da soli" in accordo con il Comune di Ferrara, per dare accoglienza e alloggio a persone separate, che si trovano in difficoltà economica a causa di una situazione di disgregazione  familiare. Il progetto prevede la possibilità di soggiornare a costi agevolati in un appartamento con 7 posti letto, per massimo 12 mesi. L'accesso alla struttura viene regolato attraverso una graduatoria. Per informazioni consultare la nostra scheda informativa "Mai da soli" .

Ultimo nato in regione, è il progetto "Io sto con te" , promosso dall'associazione  San Cristoforo di Parma, attivo dal 13 maggio 2018. Il progetto mette a disposizione delle unità abitative (una già pronta e due saranno pronte a settembre 2018) dove i papà separati verranno ospitati per un periodo di 12 mesi, eventualmente rinnovabile. Per favorire il raggiungimento dell'autonomia, il progetto prevede l'affiancamento per gli ospiti con un team composto da psicologi, legali e neuropsichiatri infantili, professionisti a disposizione per consulenze su problemi, che possono insorgere nel periodo di accoglienza. Gli ospiti dovranno contribuire alle spese, con una quota mensile variabile a seconda del reddito, che va da 250 euro a 350 euro. Per informazioni consultare il sito dedicato al progetto http://www.iostoconteparma.it/.

Novità anche dal fronte alloggi popolari, a Bondeno (FE) a marzo 2017 la giunta comunale ha deciso di destinare una quota di case ACER ai padri separati e in difficoltà economiche.

Come ulteriore supporto per i padri separati segnaliamo inoltre,  l'Associazione nazionale Padri Separati, che segue i padri nell'iter processuale della separazione e del divorzio o affiancandoli a professionisti in grado  di tutelare i loro diritti, garantendo anche assistenza psicologica. La sede nazionale dell'Associazione è a Bologna in Via Andrea Costa, 4 e opera su tutto il territorio nazionale. In Emilia-Romagna l'associazione mette a disposizione consulenti a Parma, Modena,  Bologna,  Rimini,  Ferrara. Per informazioni http://www.padri.it/ .

Azioni sul documento
Pubblicato il 21/05/2018 — ultima modifica 21/05/2018

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali