Microcredito Etico-Sociale ravennate e imolese

CHE COS'E'
Il microcredito si configura come una forma di finanziamento destinata a persone che vivono temporanei momenti di difficoltà economica e che, pur svolgendo un’attività lavorativa, hanno limitate possibilità di accesso alle istituzioni creditizie: al centro del sistema, ideato da Muhammad Yunus, vi è una consolidata rete di rapporti interpersonali, che si basano sulla fiducia reciproca e sullo scambio di informazioni, suggerimenti, iniziative. Nasce, in questo modo, un duplice livello di interazione, che riguarda i cittadini e le banche, attraverso le attività di assistenza e monitoraggio, e gli stessi soggetti ai quali il prestito è concesso con un proficuo scambio di informazioni ed esperienze. Il risultato finale è la formazione di reti sociali in continuo fermento in grado di generare comportamenti virtuosi e responsabili.

RIVOLTO A:
Il microcredito è un progetto di finanziamento etico-sociale per sostenere le famiglie che versano in precarie condizioni economiche.  I finanziamenti dell’iniziativa sono destinati a sovvenzionare spese necessarie e straordinarie a favore di coloro che non posseggono al momento le minime garanzie, ma hanno un reddito, seppur modesto, tale da far ritenere possibile – in assenza di eventi imprevisti – il rimborso del prestito, anche in relazione alla misura del tasso di interesse, particolarmente contenuto.
I destinatari dei finanziamenti, con un massimo finanziabile di 10.000 euro, sono le famiglie numerose, i giovani nuclei famigliari, le famiglie che presentano situazioni svantaggiate, le persone singole (anziani, immigrati, ecc.), gli studenti universitari o i neo-laureati.
Rientrano, altresì, tra i destinatari dei finanziamenti, con un massimo finanziabile di 25.000 euro, i piccoli imprenditori, le imprese familiari, le cooperative, gli enti, le associazioni di volontariato sociale e le Onlus. La durata dei prestiti è generalmente di 36 mesi, prorogabili a 60 mesi, in casi eccezionali e motivati.

DOVE ANDARE:
Il micro credito è concesso dal Credito Cooperativo ravennate e imolese, che su segnalazione delle associazioni e degli enti aderenti all'accordo, si riserva l'accettazione delle richieste presentate.
Numerosi gli enti che hanno aderito all'iniziativa e che si propongono quali tutor dei richiedenti il finanziamento:

  • Compagnia delle Opere Ravenna-Ferrara, settore non profit;
  • ACLI Provincia di Ravenna;
  • Caritas Diocesana Faenza-Modigliana;
  • Servizi Sociali Associati dei Comuni del faentino, Faenza (6 Comuni del territorio);
  • SOS Donna di Faenza;
  • Servizi Sociali dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna di Lugo (9 Comuni del territorio);
  • Caritas Diocesana di Ravenna-Cervia;
  • Fondazione San Rocco di Ravenna;
  • Consorzio Fare Comunità della Provincia di Ravenna;
  • Conferenza S. Vincenzo della Diocesi di Imola;
  • Consorzio Il Solco di Imola;
  • Caritas Diocesana di Imola
  • ASP Ravenna Cervia e Russi.


INFORMAZIONI UTILI:
In allegato il volantino dell'iniziativa.
Allegato.pdf (pdf, 664.7 KB)

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina