Bonus nido e supporto domiciliare 2018

CHE COS'E'
E' un contributo economico che aiuta a sostenere la copertura finanziaria della retta di frequenza a nidi d'infanzia pubblici o privati accreditati, o per servizi assistenziali domiciliari. Viene erogato per un importo massimo annuale di euro 1.000,00, parametrato a undici mensilità, e corrisposto nei seguenti casi:

- per bambini nati o adottati dal 1 gennaio 2016;
- in favore dei bambini al di sotto dei tre anni, impossibilitati a frequentare gli asili nido in quanto affetti da gravi patologie croniche, per i quali le famiglie si avvalgono di servizi assistenziali domiciliari.

RIVOLTO A
Genitori di un minore nato o adottato dal 1 gennaio 2016 che hanno:

- cittadinanza italiana, oppure di uno Stato dell’Unione Europea;
- se cittadino di Stato extracomunitario, permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo;
- una delle carte di soggiorno per familiari extracomunitari di cittadini dell’Unione Europea.

DOVE ANDARE:
La domanda può essere presentata online all’INPS attraverso il servizio dedicato.
In alternativa, si può fare la domanda tramite:
- Contact center al numero 803 164 (gratuito da rete fissa) oppure 06 164 164 da rete mobile;
- enti di patronato e intermediari dell’Istituto, attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi.


ULTERIORI INFORMAZIONI
Il bonus è cumulabile con il “Contributo per l'acquisto dei servizi per la prima infanzia” ma non può essere fruito, nel corso dell'anno, nelle stesse mensilità.
Il contributo richiesto per le rette di frequenza del nido d’infanzia, verrà erogato su presentazione, da parte del genitore, della documentazione attestante l’avvenuto pagamento delle singole rette. L’erogazione del bonus avverrà con cadenza mensile direttamente al beneficiario fino a concorrenza dell’importo massimo mensile. Per ogni retta mensile pagata e documentata il genitore avrà diritto ad un contributo mensile di importo massimo di euro 90,91 (euro 1000,00:11 mensilità). Il contributo mensile erogato dall’Istituto non potrà comunque eccedere la spesa sostenuta per il pagamento della singola retta.
Il contributo richiesto per il supporto domiciliare, verrà erogato dall’Istituto a seguito di presentazione da parte del genitore richiedente, di un’attestazione rilasciata dal pediatra di libera scelta, che dichiari per l’intero anno di riferimento, “l’impossibilità del bambino a frequentare gli asili nido in ragione di una grave patologia cronica”. In questo caso l’INPS erogherà il bonus in un'unica soluzione, direttamente al genitore richiedente fino ad un massimo di euro 1.000,00.
Il contributo sarà erogato erogato nei limiti delle suddette risorse e secondo l’ordine di presentazione delle domande. Per ulteriori informazioni: Bonus asilo nido e forme di supporto presso la propria abitazione

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina