Green pass: informazioni utili (Agg. 15 Ottobre)

La Certificazione verde COVID-19 - EU Digital COVID certificate, dal 6 agosto 2021 la certificazione verde è obbligatoria per svolgere una lunga serie di attività dal sedersi all'interno di un bar o ristorante all'andare al cinema o ad un parco divertimenti.

Certificazione verde COVID-19

Che cos'è

Il Green Pass è una Certificazione in formato digitale e stampabile, emessa dalla piattaforma nazionale del Ministero della Salute, che contiene un QR Code per verificarne autenticità e validità.

La Certificazione verde COVID-19 è richiesta in Italia per:

  • partecipare alle feste per cerimonie civili e religiose
  • accedere a residenze sanitarie assistenziali o altre strutture
  • spostarsi in entrata e in uscita da territori classificati in "zona rossa" o "zona arancione"

Il Green Pass non sostituisce tutte le regole sin qui adottate (mascherina, sanificazione, distanziamento), in quanto è una misura ancor più restrittiva che va ad affiancarsi a queste, rafforzandole.

Dal 6 agosto 2021 servirà, inoltre, per accedere a qualsiasi tipo di servizio di ristorazione al tavolo al chiuso, spettacoli, eventi e competizioni sportive, musei, istituti e luoghi di cultura, piscine, palestre, centri benessere, fiere, sagre, convegni e congressi, centri termali, parchi tematici e di divertimento, centri culturali e ricreativi, sale da gioco e casinò, concorsi pubblici.

Dal 1 Settembre 2021 la certificazione è richiesta anche: al personale scolastico e universitario, e agli studenti universitari; a chi prenderà uno dei seguenti mezzi di trasporto: aeromobili adibiti a servizi commerciali di trasporto di persone; navi e traghetti adibiti a servizi di trasporto interregionale, fatta eccezione di quelli per i collegamenti marittimi nello Stretto di Messina; treni impiegati nei servizi di trasporto ferroviario passeggeri di tipo Inter City, Inter City Notte e Alta Velocità; autobus adibiti a servizi di trasporto di persone, ad offerta indifferenziata, effettuati su strada in modo continuativo o periodico su un percorso che collega più di due regioni ed aventi itinerari, orari, frequenze e prezzi prestabiliti; autobus adibiti a servizi di noleggio con conducente, ad esclusione di quelli impiegati nei servizi aggiuntivi di trasporto pubblico locale e regionale.

Dal 15 Ottobre 2021 (fino al 31 Dicembre 2021 - termine di cessazione dello stato di emergenza).  L’utilizzo della Certificazione verde Covid-19 viene esteso a tutto il mondo del lavoro pubblico e privato. È quanto prevede il decreto legge approvato dal Consiglio dei ministri il 16 settembre 2021.

  • tutto il personale delle Amministrazioni pubbliche è tenuto a essere in possesso della Certificazione verde Covid-19. L’obbligo riguarda inoltre il personale di Autorità indipendenti ed anche i soggetti titolari di cariche elettive e di cariche istituzionali di vertice;
  • sono tenuti a possedere e a esibire i Certificati verdi coloro che svolgano attività lavorativa nel settore privato. Il possesso e l’esibizione, su richiesta, del Certificato verde sono richiesti per accedere ai luoghi di lavoro;

Lo svolgimento del lavoro in modalità agile (Smart working) non richiede il green pass, ma non implica esenzione dall’obbligo, nel senso che l’azienda non è tenuta a concederlo in quanto «non può essere utilizzato allo scopo di eludere l’obbligo di green pass».

Il controllo può essere generalizzato o a campione, e viene svolto da personale incaricato con atto formale dell'azienda stessa preferibilmente in ingresso, ma è possibile effettuare la verifica del Green Pass in anticipo rispetto all'orario di ingresso in azienda. I lavoratori sono obbligati a comunicare il mancato possesso del Green Pass con un preavviso al datore di lavoro.

E' possibile che al personale dipendente venga richiesto di esibire il documento di riconoscimento da parte degli incaricati alla verifica del Green Pass.

I lavoratori incaricati al controllo possono anche controllare sé stessi.

PROVVEDIMENTI E SANZIONI:

  • In caso di accesso vietato, il dipendente (pubblico o privato) risulterà assente ingiustificato, senza diritto allo stipendio, fino alla presentazione del Green Pass.
  • In caso di accertamento di ingresso senza Green Pass, il datore di lavoro effettua una segnalazione alla Prefettura per la definizione della sanzione amministrativa compresa tra 600 e 1.500 euro.
  • Per i datori di lavoro che non controllano il Green Pass la sanzione amministrativa va da 400 a 1.000 euro.

CASISTICHE SPECIFICHE:

AGENZIE DI SOMMINISTRAZIONE: Chi ha un contratto con una agenzia per il lavoro deve essere controllato sia dall'agenzia stessa che dall'azienda in cui lavora.

TAXI: Non c'è nessun obbligo da parte di alcuno di verificare il Green Pass di taxisti o conducenti NCC.

PARRUCCHIERI: Il controllo del Green Pass deve essere effettuato esclusivamente dal titolare sui dipendenti. Dunque il Green Pass non deve essere esibito né dai parrucchieri/estetisti su richiesta dei clienti, né dai clienti su richiesta dei parrucchieri/estetisti.

LAVORATORI AUTONOMI: Devono esibire il Green Pass ogni volta che accedono all'azienda.

Come si ottiene

Prima di chiedere il Certificato verde Covid-19 è necessario aver soddisfatto una delle seguenti condizioni:

  • essersi vaccinati contro la malattia da Sars-Cov-2 
  • essersi sottoposti a tampone negativo
  • essere guariti dalla malattia

Come scaricare il Green Pass ONLINE

OPZIONE 1: Se hai a disposizione lo SPID: CLICCA QUI

OPZIONE 2: Con la Tessera Sanitaria e il tuo codice: 

    • Se hai a disposizione la Tessera Sanitaria e il tuo codice: CLICCA QUI 
    • Recupera il tuo codice (AUTHCODE; CUN; NRFE; NUCG): CLICCA QUI

QUAL E’ IL VOSTRO CODICE: 

  • tampone molecolare (CUN)
  • tampone antigenico rapido (NFRE)
  • certificato di guarigione (NUCG)
  • vaccinazione (AUTHCODE): il codice autorizzativo si riceve via e-mai o SMS ai recapiti comunicati in sede di vaccinazione, ma è anche possibile recuperarlo QUI


ALTRI MODI PER SCARICARE IL GREEN PASS: 

E' possibile scaricare il Green Pass anche attraverso le App Immuni IO ed anche sul sito del Fascicolo Sanitario Elettronico regionale, ma sarà in ogni caso necessario avere a disposizione la Tessera Sanitaria e il codice (AUTHCODE; CUN; NRFE; NUCG), oppure le credenziali d'accesso all'identità digitale (SPID o CIE). 

CHI E' IN ATTESA DEL GREEN PASS:

É sufficiente mostrare il documento cartaceo o digitale rilasciato da strutture sanitarie pubbliche e private, farmacie, laboratori di analisi, medici di medicina generale, pediatri di libera scelta.

Come stampare il Green Pass IN PRESENZA

Chi non dispone di strumenti digitali (computer o smartphone) potrà stampare il Certificato e il QR Code rivolgendosi:

  • al proprio medico di medicina generale
  • al pediatra di libera scelta 
  • alla farmacia più vicina  

Quanto dura il Green Pass

I tempi dell'invio e della validità del certificato variano a seconda dei casi

  • Per chi ha fatto un tampone

- test antigenici rapidi (Tamponi nasali rapidi): che permettono di evidenziare rapidamente (15minuti) la presenza di componenti (antigeni) del virus (proteine virali).
- test molecolari (o tampone naso-faringeo): permettono di rilevare la presenza di materiale genetico (RNA) del virus. Gli esiti sono solitamente disponibili in 48 ore (al massimo) dall’effettuazione.
I cittadini che hanno fatto un tempone risultato negativo riceveranno un Green Pass con validità di 48 ore. Il prezzo è di 8 Euro per i minori di età compresa tra i 12 e i 18 anni, e di 15 Euro per gli over 18 anni [NOTA: Il governo sta ulteriormente lavorando per abbassare i prezzi, queste direttive sono attualmente valide fino al 30 Settembre 2021].

- test sierologico, effettuati attraverso un prelievo di sangue, che rileva l’esposizione al virus, evidenziando la presenza di anticorpi contro il virus, ma non è in grado di confermare o meno un'infezione in atto (solitamente gli esiti si hanno entro 15 giorni circa dal prelievo ; ma può variare da clinica a clinica ). Non valido per ottenere il Green Pass. Il loro prezzo si aggira intorno ai 25€.

  • Per chi ha fatto solo la prima dose

A chi ha fatto solo la prima di due dosi, la Certificazione verde arriva automaticamente 12 giorni dopo la somministrazione. La certificazione è valida dal quindicesimo giorno dalla data in cui si è ricevuta la prima dose, e scade alla data della seconda dose.

  • Per chi ha fatto la seconda dose

Se avete fatto la seconda dose, riceverete la Certificazione verde entro 24/48 ore dal momento dall'iniezione. Questo certificato verde è valido per 9 mesi. Questo vale anche per chi ha fatto il vaccino Johnson & Johnson, che prevede una dose unica.

  • Per chi è guarito

Le persone guarite dal Covid hanno un anno di tempo per vaccinarsi: per loro il green pass dura 6 mesi dalla remissione.

Se la persona guarita viene vaccinata con la prima dose entro un anno dalla malattia (cioè dal primo tampone positivo), tali persone riceveranno la Certificazione verde valida per 9 mesi dalla data del vaccino.

  • I vaccinati all'estero

Se siete stati vaccinati in uno stato membro dell'Unione Europea, avete ricevuto un Certificato verde dal Paese della vaccinazione. Questo certificato è valido in tutta l'Unione, quindi anche l'Italia, fino al 12 agosto 2021. Se invece siete stati vaccinati in uno stato che non fa parte dell'Unione Europea, probabilmente non avete ricevuto un Certificato verde valido in Italia.

La certificazione verde per bambini e ragazzi

L'obbligo di certificazione verde per accedere a locali ed eventi non vale per i bambini al di sotto dei 12 anni, ovvero l'età a partire dalla quale è possibile vaccinarsi contro il coronavirus.

Ad ogni modo, è importante sapere che L'età minima per ottenere il Green pass è 2 anni, ma fino ai 6 anni non è necessario fare il tampone per richiedere la certificazione. Dai 6 anni in poi, invece, per il Green pass serve un tampone negativo o la certificazione di avvenuta guarigione. Fino al compimento dei 12 anni il Green pass resta un documento non obbligatorio per accedere a tutta quella serie di luoghi o attività di cui sopra, mentre per gli spostamenti internazionali le regole variano a seconda del Paese e ai bambini al di sopra dei 6 anni potrebbe essere richiesto di effettuare un tampone.

Ecco un breve riepilogo:

  • 0-2 anni: Green pass non obbligatorio e non è possibile farne richiesta
  • 2-6 anni: Green pass non obbligatorio, ma è possibile farne richiesta
  • 6-12 anni: Green pass non obbligatorio, ma è possibile ottenerlo con tampone negativo o certificato di avvenuta guarigione
  • 12-17 anni: Green pass obbligatorio per locali ed eventi. È possibile ottenerlo con tampone negativo, certificato di avvenuta guarigione, o vaccino 

Soggetti esenti

L’obbligo della Certificazione verde COVID-19 non si applica per accedere alle attività e ai servizi sul territorio nazionale alle seguenti categorie di persone:

  • bambini sotto i 12 anni
  • soggetti esenti dalla vaccinazione per motivi di salute - condizione che deve essere attestata da apposita certificazione medica
  • soggetti che hanno ricevuto una o due dosi di vaccino ReiThera nell'ambito della sperimentazione Covitar. Una certificazione, valida sino al 30 settembre, sarà rilasciata dal medico responsabile del centro di sperimentazione.
  • persone in possesso di un certificato di vaccinazione anti SARS-Cov-2 rilasciato dalle competenti autorità sanitarie della Repubblica di San Marino, nelle more dell'adozione della circolare del Ministero della salute che definisce modalità di vaccinazione in coerenza con le indicazioni dell'Agenzia europea per i medicinali, e comunque non oltre il 15 ottobre 2021 (Decreto legge 6 agosto 2021 n.111: apre una nuova finestra).

Revoca del Green Pass

Il Green Pass può essere revocato, nel caso in cui una struttura pubblica, un medico di medicina generale o un pediatra di libera scelta comunicassero la positività al Covid-19 di una persona vaccinata o guarita dal virus. 

A chi chiedere ulteriori informazioni e assistenza

E' possibile contattare il Centro per le Famiglie più vicino a voi per ottenere assistenza e ulteriori informazioni.

Da tenere presente il numero del call center 800 91 24 91 per chiedere assistenza, ad esempio sull'utilizzo delle app IO o Immuni; il numero è attivo tutti i giorni dalle 8 alle 20. In caso di dubbi si può scrivere inoltre all'indirizzo cittadini@dgc.gov.it o visitare il sito web www.dgc.gov.it/ .

Per saperne di più

RIFERIMENTI NORMATIVI

Regolamenti europei

  • Regolamento (UE) 2021/953 - pdf: apre una nuova finestra
    Regolamento (UE) 2021/953 del Parlamento europeo e del Consiglio del 14 giugno 2021 su un quadro per il rilascio, la verifica e l'accettazione di certificati interoperabili di vaccinazione, di test e di guarigione in relazione alla COVID-19 (certificato COVID digitale dell'UE) per agevolare la libera circolazione delle persone durante la pandemia di COVID-19 (Testo rilevante ai fini del SEE)
  • Regolamento (UE) 2021/954 - pdf: apre una nuova finestra
    Regolamento (UE) 2021/954 del Parlamento europeo e del Consiglio del 14 giugno 2021 su un quadro per il rilascio, la verifica e l'accettazione di certificati interoperabili di vaccinazione, di test e di guarigione in relazione alla COVID-19 (certificato COVID digitale dell'UE) per i cittadini di paesi terzi regolarmente soggiornanti o residenti nel territorio degli Stati membri durante la pandemia di COVID-19 (Testo rilevante ai fini del SEE)

Leggi e decreti

Ordinanze del Ministro della Salute

Circolari

Circolare del Ministero della Salute 28 giugno 2021 - pdf: apre una nuova finestra
Chiarimenti in materia di Certificazioni Verdi e loro uso in ambito transfrontaliero e in materia di Digital Passenger Locator Form

Circolare del Ministero della Salute del 30 luglio 2021 - pdf: apre una nuova finestra
Equipollenza certificazioni vaccinali e di guarigione rilasciate dagli Stati Terzi per gli usi previsti dall’ art. 3 del decreto-legge 23 luglio 2021

Circolare del Ministero della Salute 04 agosto 2021 - pdf: apre una nuova finestra
Modalità per il rilascio EU Digital Covid Certificate (certificazione verde COVID-19) ai cittadini italiani vaccinati o guariti all’estero

Circolare del Ministero della Salute del 04 agosto 2021 - pdf: apre una nuova finestra
Certificazioni di esenzione alla vaccinazione anti-COVID-19

Circolare del Ministero della Salute 5 agosto 2021 - pdf: apre una nuova finestra
Certificazione di esenzione temporanea alla vaccinazione anti-COVID-19 nei soggetti che hanno partecipato alla sperimentazione COVITAR. (ReiThera)

: apre una nuova finestra

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina