La scelta della scuola : genitori e figli si orientano

Dal 7 al 31 gennaio 2020 i genitori sono chiamati a iscrivere i propri figli a scuola. Le offerte formative sono davvero molte, come orientarsi e quali strumenti utilizzare per effettuare una scelta il più possibile consapevole?

Dal 7 al 31 gennaio 2020 i genitori sono chiamati ad iscrivere i propri figli al primo anno di scuola dell’infanzia, primaria, secondaria di I e II grado o al primo anno dei percorsi di istruzione e formazione professionale erogati dai centri di formazione professionale accreditati dalla regione Emilia Romagna.

Orientiamoci nel sistema educativo di istruzione e formazione italiano, per capire meglio:

Si parte con la scuola dell’infanzia, rivolta ai bambini italiani e stranieri, dai 3 ai 5 anni, di durata triennale, la frequenza non è obbligatoria. Questo primo segmento del percorso di istruzione concorre all’educazione e allo sviluppo affettivo, psicomotorio, cognitivo, morale, religioso e sociale dei bambini, stimola le potenzialità di relazione, autonomia, creatività, apprendimento. L’iscrizione  alle sezioni di scuola d’infanzia è esclusa dal sistema di “Iscrizioni on line” del MIUR ed è effettuata con domanda da presentare direttamente all’istituzione scolastica prescelta, compilando la Scheda A allegata alla circolare ministeriale.

Dopo la Scuola dell’infanzia si passa al primo ciclo di istruzione, obbligatorio, della durata complessiva di 8 anni, articolato in:

  • Scuola primaria, della durata di 5 anni,  rivolta ai bambini italiani e stranieri che abbiano compiuto 6 anni entro il 31 dicembre . E' possibile anticipare l'iscrizione di un anno per i bambini che compiono 6 anni entro il 30 aprile dell'anno scolastico di riferimento. La scuola primaria è obbligatoria e ha l'obiettivo di promuovere lo sviluppo della personalità, permettere di acquisire e sviluppare le conoscenze e le abilità di base, l'alfabetizzazione in almeno una lingua dell'Unione Europea oltre alla lingua italiana, porre le basi per l'utilizzazione di metodologie scientifiche nello studio del mondo naturale, valorizzare le capacità relazionali e di orientamento nello spazio e nel tempo, educare ai principi fondamentali della convivenza civile . L'orario settimanale delle lezioni può variare da 24 a 30 ore articolate in 5 o 6 giorni settimanali con o senza rientri pomeridiani . In alternativa alcune scuole offrono la possibilità del tempo pieno con 40 ore settimanali in genere dal lunedì al venerdì dal mattino al pomeriggio in genere con il servizio mensa. L'iscrizione alla prima classe della scuola primaria si effettua attraverso il sistema "Iscrizioni on line" del MIUR
  • Scuola secondaria di primo grado, della durata di 3 anni,  rivolta ai ragazzi italiani e stranieri che abbiano concluso il percorso della scuola primaria. E' obbligatoria e ha l'obiettivo di stimolare l'autonomia di studio l'interazione sociale; accrescere le conoscenze e le abilità in relazione alla tradizione culturale e alla evoluzione sociale, culturale e scientifica; sviluppare le competenze le capacità di scelta in base alle attitudini dello studente; fornisce le basi per la prosecuzione dell'istruzione e della formazione. L’orario settimanale delle lezioni nella scuola secondaria di primo grado, organizzato per discipline, è pari a 30 ore. In base alla disponibilità dei posti e dei servizi attivati possono essere organizzate classi a tempo prolungato con 36 ore settimanali con obbligo di 2/3 rientri settimanali pomeridiani con o senza mensa. In alternativa alcune scuole offrono la possibilità del tempo prolungato esteso a 40 ore settimanali. L'iscrizione alla prima classe della scuola secondaria di primo grado si effettua attraverso il sistema "Iscrizioni on line" del MIUR

Il primo ciclo di istruzione si conclude con un esame di Stato, il cui superamento costituisce titolo di accesso al secondo ciclo di istruzione.

Il secondo ciclo di istruzione è articolato in  due tipologie di percorsi:

La scuola secondaria di secondo grado, di durata quinquennale, è rivolta agli studenti che hanno concluso positivamente il primo ciclo di istruzione (dai 14 ai 19 anni). La scuola secondaria di secondo grado offre i seguenti percorsi:

licei, hanno durata quinquennale, si sviluppano in due periodi biennali e in un quinto anno che completa il percorso disciplinare e sono finalizzati al conseguimento di un diploma di istruzione secondaria superiore . Sono previsti 6 percorsi: artistico, classico, linguistico, musicale  e coreutico, scientifico opzione scienze applicate, scienze umane opzione economico sociale.

istituti tecnici, hanno durata quinquennale, si sviluppano in due periodi biennali e in un quinto anno che completa il percorso disciplinare . Offrono una solida base culturale e allo stesso tempo favoriscono lo sviluppo delle competenze necessarie per l'inserimento nel mondo del lavoro. Si articolano in due settori: economico e tecnologico che si articolano in 11 indirizzi. Le scuole possono personalizzare i percorsi di studio per rispondere alle esigenze del territorio e ai fabbisogni formativi espressi dal mondo del lavoro.

istituti professionali dall’anno scolastico 2018/19 offrono undici indirizzi di studio, un nuovo modello organizzativo e didattico, potenziamento delle attività di laboratorio e con possibilità di attivare percorsi di alternanza scuola-lavoro già dalla seconda classe del biennio. Prevedono un biennio unitario e un triennio finalizzato ad approfondire la formazione dello studente secondo le possibili declinazioni dell’indirizzo specifico. Gli istituti professionali sono caratterizzati da undici indirizzi di studio.

La domanda di iscrizione alla prima classe della scuola secondaria di secondo grado si effettua attraverso il sistema "Iscrizioni on line" del MIUR.

I percorsi triennali e quadriennali di istruzione e formazione professionale(IeFP) di competenza regionale, rivolti sempre agli studenti che hanno concluso positivamente il primo ciclo di istruzione. Il sistema di istruzione e formazione professionale della Regione Emilia Romagna prevede un'offerta di percorsi triennali fortemente orientati al lavoro progettati e realizzati congiuntamente da enti di formazione accreditati e istituti professionali. Dal 2016/2017 la Regione ha attivato in via sperimentale i percorsi di quarto anno per il conseguimento di un diploma professionale in continuità con percorsi triennali a qualifica già attivi sul territorio. In alternativa dopo il triennio gli studenti possono proseguire presso un istituto professionale fino al quinto anno al fine di conseguire un diploma di istruzione secondaria superiore. Per maggiori informazioni consultare il sito della Regione Emilia Romagna dedicato all'istruzione e alla formazione professionale

Per effettuare l’iscrizione on line le famiglie dovranno innanzitutto individuare la scuola di preferenza.  In questo periodo tutte le scuole dall’infanzia alle superiori, propongono open-day per visitare gli istituti, conoscere alcuni dei docenti, confrontarsi sull'offerta didattica e farsi un’idea del tipo di formazione che il bambino/ragazzo potrà ricevere . Altro strumento utile come sempre è il portale Scuola in Chiaro che raccoglie i profili di tutti gli istituti per consentire anche una valutazione comparativa in base alle proprie esigenze. Per Scuola in Chiaro è disponibile anche una nuova App. Grazie a questa applicazione, a partire da un QR Code dinamico associato a ogni singola istituzione scolastica, viene data la possibilità non solo di accedere con i propri dispositivi mobili alle informazioni principali sulla scuola, ma anche di visualizzare alcuni dati presenti per confrontarli con quelli di altri istituti del territorio.

Le scuole medie inoltre propongono di solito degli incontri di orientamento con i ragazzi per individuare i punti di forza di ogni alunno; oltre a questi elementi sarebbe utile integrare questo quadro analizzando le inclinazioni, gli interessi e le predisposizioni di ogni ragazzo trovando spunti di riflessione anche al di fuori dell'ambito scolastico

Sul territorio regionale sono presenti servizi rivolti ai ragazzi e alle famiglie per sostenerle nei momenti in cui devono affrontare scelte sui percorsi di studio dei figli e sono dislocati in ogni provincia vedi elenco sul sito della Regione 

Per informazioni dettagliate sulle iscrizioni 2020/2021 consultare la circolare del ministero dell'istruzione, dell'Università e della Ricerca con le indicazioni utili per le famiglie.

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/11/19 16:55:47 GMT+1 ultima modifica 2019-11-19T16:55:47+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina