Assegno di natalità – Bonus bebè

COS’E’
L'assegno di natalità è un contributo previsto per ogni figlio nato o adottato o in affido preadottivo dal 1° gennaio 2019 al 31 dicembre 2019. E' valido fino al compimento del primo anno del bambino.

RIVOLTO A
L’assegno è previsto per i figli, anche adottati, di;

  • cittadini italiani o di uno Stato dell’Unione Europea;
  • cittadini di Stato extracomunitario in possesso del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo;
  • cittadini stranieri aventi lo status di rifugiato politico o lo status di protezione sussidiaria;
  • cittadini stranieri, non aventi la cittadinanza di uno Stato membro, ma con carta di soggiorno per familiare di cittadino dell’Unione europea (italiano o comunitario) non avente la cittadinanza di uno Stato membro, di cui all’art. 10 del Decreto legislativo n.30/2007;
  • cittadini stranieri con carta di soggiorno permanente per i familiari non aventi la cittadinanza di uno Stato membro di cui all’art. 17 del Decreto legislativo n.30/2007.

Le domande di assegno presentate da cittadini stranieri in possesso dei titoli sopraindicati, seguono le medesime modalità indicate sopra ma in attesa che si completi l’iter amministrativo per l'acquisizione telematica dei titoli di soggiorno, in via transitoria, è necessario che i soggetti in possesso del  titolo  di  soggiorno  rilascino  una  autodichiarazione  attestante  la  titolarità  dello  stesso  e l’indicazione  degli  estremi  di  tale  documento.
Chi richiede il beneficio deve avere residenza in Italia e coabitare con il figlio al momento della richiesta.

COSA OFFRE
L’importo annuo è pari a euro 960,00, cioè euro 80,00 al mese, a condizione che il nucleo familiare di appartenenza del genitore richiedente abbia un valore Isee non superiore ai euro 25.000 euro annui. Per i nuclei familiari in possesso di un Isee non superiore a euro 7.000 annui, l’importo annuale dell’assegno è raddoppiato a euro 1.920. Per
 l'anno 2019 in caso di figlio successivo al primo, l'importo dell'assegno è aumentato del 20%.

DOVE
La domanda deve essere presentata all’INPS in uno di questi modi:

  • WEB - Servizi telematici accessibili direttamente dal cittadino tramite PIN dispositivo attraverso il portale dell’Istituto (www.inps.it - Servizi on line). Per richiedere il Pin cliccare qui.
  • Contact Center Integrato - numero verde 803.164 (numero gratuito da rete fissa) o numero 06164.164 (numero da rete mobile con tariffazione a carico dell’utenza chiamante);
  • CAAF, attraverso i servizi offerti dagli stessi.

La domanda va presentata entro 90 giorni dalla nascita oppure dalla data di ingresso del minore nel nucleo familiare a seguito dell’adozione o dell’affidamento preadottivo. In ogni caso, qualora la domanda sia presentata oltre i predetti termini di 90 giorni, l’assegno decorre dal mese di presentazione della domanda.

    ULTERIORI INFORMAZIONI
    Per ulteriori informazioni cliccare qui. Le domande di assegno presentate da cittadini stranieri che sono state in precedenza respinte, in applicazione della norma istitutiva, saranno oggetto di riesame alla luce delle nuove indicazioni ministeriali.

    Azioni sul documento
    Pubblicato il 04/11/2016 — ultima modifica 14/02/2019

    Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

    Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

    Strumenti personali