Borse di studio, sussidi per libri di testo e altri contributi

Borse di studio (regionali e ministeriali) e contributi per i libri di testo

Per ridurre il rischio di abbandono scolastico e sostenere gli studenti in difficili condizioni economiche nell’assolvimento dell’obbligo di istruzione, la regione supporta annualmente le famiglie con i benefici del diritto allo studio : borse di studio regionali, borse di studio ministeriali e contributi per i libri di testo.  I criteri per la concessione dei benefici vengono approvati ogni tre anni. Gli ultimi riguardano il triennio 2019-2021 (vedi Indirizzi regionali approvati dall’Assemblea legislativa con deliberazione n. 209/2019)La Giunta regionale con propria deliberazione n. 804 del 6 luglio 2020 ha approvato i criteri per la concessione dei benefici per il diritto allo studio per l’anno scolastico 2020/2021.

Borse di studio regionali

La Regione Emilia Romagna, ogni anno, attribuisce borse di studio finalizzate a sostenere le spese necessarie alla frequenza scolastica, agli studenti, meritevoli e/o a rischio di abbandono del percorso formativo e/o in situazione di handicap (certificati ai sensi della normativa vigente), in disagiate condizioni economiche e residenti sul territorio regionale
Destinatari:

  • studenti che frequentano le prime due classi delle scuole secondarie di secondo grado
  • studenti che frequentano il secondo anno e terzo dei percorsi Istruzione e formazione professionale (IeFP) ,  presso un organismo di formazione professionale accreditato per l’obbligo d’istruzione che opera nel Sistema regionale IeFP.
  • studenti iscritti alle tre annualità dei progetti personalizzati di IeFP,  presso un organismo di formazione professionale accreditato per l’obbligo d’istruzione che opera nel Sistema regionale IeFP.

È prevista una maggiorazione dell’importo della borsa di studio per le studentesse e gli studenti meritevoli e per le studentesse e gli studenti disabili certificati ai sensi della normativa vigente

Sono erogate dalla Provincia/Città metropolitana di residenza dello studente.

Borse di studio ministeriali
Destinatari:

  • studenti iscritti all’ultimo triennio delle scuole secondarie di secondo grado e residenti sul territorio regionale
  • studenti iscritti all’ultimo triennio delle scuole secondarie di secondo grado dell’Emilia Romagna e residenti in altre regioni che erogano il beneficio secondo il criterio “della scuola frequentata”

Contributi per i libri di testo

Per quanto riguarda i libri di testo, si ricorda che sono gratuiti per tutti gli alunni delle scuole primarie e possono essere acquistati presso qualsiasi libreria, presentando la cedola libraria fornita dal Comune e consegnata direttamente dalla scuola nei primi giorni di lezione. In alcuni Comuni i libri vengono consegnati direttamente agli alunni dalla scuola.

Negli altri ordini di scuola i libri sono a pagamento, ma sono previsti contributi annuali per l'acquisto dei libri di testo per gli studenti delle scuole secondarie di I e II grado .
I requisiti richiesti sono residenza in regione Emilia Romagna e/o frequenza di scuole nella regione Emilia Romagna . Nel caso di studenti residenti fuori regione, ma che frequentano scuole secondarie in Emilia Romagna,  la regione di appartenenza deve erogare il beneficio secondo il criterio “della scuola frequentata”. 
La definizione degli importi del beneficio sarà effettuata in funzione delle effettive domande e sulla base delle risorse disponibili e sulla base dei seguenti principi generali: 

  • soddisfare integralmente le domande ammissibili rientranti nella Fascia ISEE 1,
  • valutare l'opportunità di ampliare la platea dei beneficiari,
  • prevedere un importo unitario di almeno 200 euro per tutti gli studenti fatta salva la possibilità di rimodulare tale importo unitario minimo in funzione delle risorse disponibili per rispettare la garanzia del riconoscimento del beneficio a tutti gli studenti, e comunque rendendo disponibile un contributo significativo per le famiglie.

Requisiti per l'accesso ai benefici (borse di studio e contributi per i libri di testo)

Per accedere ai benefici sopra descritti sono richiesti i seguenti requisiti generali comuni:

  • valore ISEE deve rientrare nelle seguenti due fascie: fascia 1 (Isee da 0 a 10.632, 94 euro), fascia 2 (Isee da 10.632,95 a 15.748,78 euro) – valori relativi all’a.a. 2019/2020
  • gli studenti devono avere un’età non superiore ai 24 anni.

 Il requisito dell’età non si applica agli studenti e studentesse disabili certificati.

Presentazione delle domande

Le domande per le borse di studio e i contributi per i libri di testo, devono essere presentate  dal 16 settembre 2020 alle ore 18.00 del  30 ottobre 2020, esclusivamente on-line all’indirizzo https//scuola.er-go.it/ . Coloro che non dispongono di un collegamento internet possono presentare domanda gratuitamente, presso i CAF convenzionati con ER.GO (vedi elenco CAF alla pagina https://scuola.er-go.it/caf_convenzionati.php ) .

Per informazioni 

Per informazioni di carattere generale è inoltre disponibile il Numero verde regionale 800955157 e la e-mail: formaz@regione.emilia-romagna.it sito regionale ScuolaER. Per assistenza tecnica all’applicativo: Help desk Tecnico di ER.GO 0510510168 e la e-mail: dirittostudioscuole@er-go.it.


Contributi regionali per acquisto di tablet, PC e connessione internet

La Giunta regionale dell'Emilia Romagna ha deliberato per il 2020 un contributo di 5 milioni di euro per garantire a tutti i ragazzi delle scuole e della formazione professionale dell’Emilia-Romagna strumenti tecnologici e connettività per la didattica a distanza. La Casa editrice Zanichelli di Bologna, inoltre ha donato 1 milione di euro, che si aggiunge ai 5 già messi a disposizione dalla Regione e che sarà dedicato ai bambini delle scuole elementari.
Come saranno assegnati i contributi: saranno i Comuni, nell’ambito del distretto socio-sanitario (Vedi elenco dei comuni capofila individuati a livello distrettuale), a individuare i ragazzi che ne hanno bisogno in collaborazione con le scuole e le famiglie che beneficeranno degli interventi. Le famiglie possono quindi rivolgersi per informazioni alle scuole o ai comuni di residenza .
Per maggiori informazioni sulle procedure operative per la gestione dei fondi vedi il sito della regione Emilia Romagna .  


Contributi nazionali: voucher per acquisto di tablet, PC e connessione internet

Il Piano Voucher nazionale prevede misure per sostenere le famiglie (cittadini) e le imprese nell’accesso ai servizi di connettività e alle tecnologie per la loro fruizione. Il Piano si realizza in due differenti fasi: Fase 1 e Fase 2 e si rivolge a specifiche tipologie di destinatari: famiglie (cittadini) e imprese.

Fase 1 (attualmente in corso)

  • piano voucher dedicato alle famiglie con ISEE inferiore a 20.000 euro,
  • voucher del valore massimo di 500 euro che può essere utilizzato come sconto sul canone Internet e per la fornitura di personal computer o tablet
  • condizioni per accedere al contributo:
    • attivare una nuova utenza a rete fissa con contratto di non inferiore a 12 mesi
    • il contributo per la fornitura di computer o tablet è accessibile solo attivando la nuova utenza di rete fissa.
  • come impiegare la somma di 500 euro:
    • per lo sconto sul canone del servizio di connettività, può essere destinata una somma compresa tra 200 e 400 euro;
    • per lo sconto sulla fornitura in comodato d’uso di un personal computer o tablet, può essere destinata una somma compresa tra 100 e 300 euro.

Il piano a livello nazionale è partito a novembre 2020, e la regione Emilia Romagna all'inizio aveva aperto l'accesso al contributo solo ai comuni delle aree di montagna. Dal 19 marzo 2021, grazie a una delibera della Giunta Regionale, tutti i cittadini emiliano-romagnoli, con un reddito ISEE inferiore ai 20.000 potranno richiedere i contributi per beneficiare degli strumenti necessari per essere on line.

Per accedere ai voucher :occorre rivolgersi direttamente a uno degli operatori di telecomunicazioni accreditati, utilizzando i normali canali di vendita,

Fase 2 (non ancora attivata), sarà  rivolta alle famiglie con reddito ISEE non superiore a 50.000 euro.I dettagli sulle modalità di accesso ai voucher di questa Fase saranno prontamente forniti, anche su questo sito, all’attivazione della stessa.

Per informazioni: sito Agenda Digitale Emilia Romagna - Sito Banda Ultralarga - Sito Infratel Italia


Rimborso abbonamenti trasporti pubblici per studenti, inutilizzati causa lockdown 

Il "Decreto rilancio" aveva predisposto  la possibilità per gli abbonati studenti e lavoratori - pendolari del servizio ferroviario regionale e del trasporto pubblico locale (bus urbani ed extraurbani) di poter essere rimborsati per il mancato utilizzo dei titoli di viaggio durante il periodo del lockdown imposto dall’emergenza Coronavirus, rispettivamente per il periodo 23 febbraio - 3 giugno 2020 e 8 marzo-17 maggio 2020. La richiesta andava presentata entro il 30 novembre 2020  all’azienda di trasporto pubblico che aveva emesso l’abbonamento. I rimborsi sono regolamentati dal Decreto rilancio e dalla Delibera della Giunta regionale n. 893 del 20 luglio 2020 
Modalità di rimborso: il rimborso, calcolata in rapporto ai giorni di mancato utilizzo dell’abbonamento, è stato effettuato mediante l’emissione di un voucher (rilasciato al massimo entro 30 giorni dalla richiesta. Gli studenti under 14 già titolari di abbonamento annuale che a partire dal  mese di settembre 2020 non lo pagano più per la decisione presa dalla Giunta regionale di renderlo per loro gratuito, potevano fare richiesta di un rimborso in denaro.
Validità voucher di rimborso: i voucher saranno validi fino ad un anno dall’emissione, sono spendibili in un’unica soluzione, non si possono cedere e vanno utilizzati preferibilmente come sconto sull’emissione di un nuovo abbonamento o per l’acquisto di singoli biglietti o carnet di biglietti.
Rimborso voucher emessi da Trenitalia Tper (dal 29 marzo 2021): la Regione Emilia Romagna per consentire l'utilizzo del voucher per l'acquisto di abbonamenti ad agosto e settembre ha chiesto la disponibilità di Trenitalia Tper di trovare soluzioni flessibili per favorire l’utenza.
Treniitalia Tper per i voucher di ristoro degli abbonamenti regolarmente emessi da Trenitalia Tper, richiesti entro il 30 settembre 2020 possono essere rimborsati e quindi convertiti in denaro, qualora non utilizzati per l’acquisto di titoli ferroviari, su richiesta del possessore. La procedura di richiesta è attiva dal 29 marzo 2021 al 12 aprile 2021. Vedi i dettagli per presentare la domanda
Sarà comunque prevista una nuova apertura per il periodo maggio-giugno 2021.
Per informazioni: consultare i siti di Tper , Start Romagna , Tep Parma , Seta , Trenitalia Tper, Mobilità Regione Emilia Romagna

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina