Regolamenti sanitari scolastici

Regolamenti sanitari scolastici

I regolamenti sanitari scolastici vengono definiti dai singoli Comuni in stretto rapporto con i servizi di Pediatria di Comunità e determinano le condizioni di accesso e fruizione delle strutture scolastiche presenti sul territorio di competenza in merito :

  • al protocollo da seguire per la prosecuzione dell'allattamento materno per i bambini che frequentano il nido
  • ai comportamenti da tenere per l'ammissione a scuola del bambino con problemi di salute o alimentari
  • ai casi sanitari in cui è previsto l'allontanamento del bambino dalla frequenza scolastica e le modalità di riammissione
  • ai casi in cui è prevista l'interruzione della frequenza scolastica
    protocollo da seguire in caso sia necessaria la somministrazione di farmaci o altri prodotti al bambino durante la frequenza scolastica
  • alimentazione, la tabella dietetica quotidiana prevista all'interno delle mense scolastiche viene validata dal Modulo Organizzativo Igiene della Nutrizione
  • a sicurezza e pronto soccorso
  • a igiene

La Pediatria di comunità insieme agli altri organi di vigilanza istituzionale (Igiene Pubblica, Servizio Veterinario) effettuano periodici sopralluoghi nelle scuole per garantire la vigilanza igienico-sanitaria sulla collettività.

Entrando nelle Redazioni locali presenti nel menu di sinistra, troverete le informazioni di relative al territorio di riferimento

Inoltre per avere un aggiornamento costante delle attività in essere nei singoli territori, si consiglia la consultazione ed eventualmente l'iscrizione alle Newsletter redatte e curate dalle redazioni locali.


Covid - 19: gestione di casi e contatti a scuola 

Provvedimenti ministeriali

Il Decreto Legge 1 del 7 gennaio 2022 introduce nuovi provvedimenti nella gestione dei casi Covid-19 nella scuola, per limitare possibili focolai e dare la possibilità alle classi che non presentano ulteriori casi positivi di proseguire la didattica in presenza.
Le misure sono differenziate per i diversi gradi scolastici in base al numero di positivi rilevati nella stessa classe nell'arco di 14 giorni e in base allo stato vaccinale o di pregressa malattia degli alunni e del personale scolastico.

Nidi e scuole d'infanzia
In caso di un alunno positivo a tampone molecolare o antigenico effettuato in una farmacia o laboratorio autorizzato, viene sospesa la frequenza per 10 giorni e disposta la quarantena per i bambini della stessa sezione o gruppo. Per poter rientrare a scuola sarà necessario ottenere un tampone negativo, antigenico o molecolare.

Scuole primarie
In caso di un alunno positivo non viene sospesa la frequenza a scuola, con la raccomandazione di consumare il pasto ad una distanza interpersonale di almeno 2 metri e si attiva una misura di sorveglianza con un tampone di screening appena possibile, da ripetere dopo 5 giorni.

In caso emerga un ulteriore caso positivo (quindi in presenza di almeno 2 casi positivi) sarà sospesa la frequenza per 10 giorni e disposta la quarantena in base allo stato vaccinale o di pregressa malattia. Per poter rientrare a scuola sarà necessario ottenere un tampone negativo, antigenico o molecolare

Scuola secondario di I e II grado e percorsi di istruzione e formazione professionale

In caso di un alunno positivo non viene sospesa la frequenza a scuola, ma con l'obbligo di indossare le mascherine FFP2 per almeno 10 giorni, con la raccomandazione di non consumare pasti a scuola a meno che non possa essere mantenuta una distanza interpersonale di almeno 2 metri. La misura sanitaria da adottare è l'auto-sorveglianza.

In presenza di due casi positivi nella classe, le misure previste sono differenziate in funzione dello
stato vaccinale:

  • a) per gli alunni che non hanno concluso il ciclo vaccinale primario o che lo hanno concluso da più di 120 giorni, che sono guariti da più di centoventi giorni e ai quali non è stata somministrata la dose di richiamo, l'attività didattica in presenza è sospesa e si applica la didattica digitale integrata per 10 giorni. Per poter rientrare a scuola sarà necessario ottenere un tampone negativo, antigenico o molecolare
  • b) per gli alunni che hanno concluso il ciclo vaccinale primario, o che sono guariti, da meno di centoventi giorni e per coloro ai quali è stata successivamente somministrata la dose di richiamo, non viene sospesa l'attività didattica in presenza, ma con l'obbligo di indossare la mascherina FFP2 per almeno 10 giorni con la raccomandazione di non consumare pasti a scuola a meno che non possa essere mantenuta una distanza interpersonale di almeno 2 metri. La misura sanitaria da adottare è l'auto-sorveglianza.

Per il caso in esame corre l’obbligo di precisare che, alla luce della nuova normativa, i requisiti per poter frequentare in presenza, seppur in regime di Auto – sorveglianza, devono essere dimostrati dall’alunno interessato. L’istituzione scolastica, per effetto dell’intervento legislativo, è abilitata a prendere conoscenza dello stato vaccinale degli studenti in questo specifico caso.

In presenza di almeno tre casi di positività nella classe viene sospesa l'attività didattica in presenza applicando la didattica a distanza per 10 giorni e la misura sanitaria prevista dalla Circolare del Ministero della Salute 0060136-30/12/2021  per i contatti stretti (ad ALTO RISCHIO):

a) Soggetti non vaccinati o che non abbiano completato il ciclo vaccinale primario o che abbiano completato il ciclo vaccinale primario da meno di 14 giorni, l'attività didattica in presenza è sospesa e si applica la didattica digitale integrata per 10 giorni. Per poter rientrare a scuola sarà necessario ottenere un tampone negativo, antigenico o molecolare

b) Soggetti che abbiano completato il ciclo vaccinale primario da più di 120 giorni, e che abbiano tuttora in corso di validità il green pass, se asintomatici: l'attività didattica in presenza è sospesa e si applica la didattica digitale integrata per 5 giorni, purché al termine di tale periodo risulti eseguito un test molecolare o antigenico con risultato negativo;

c) Soggetti asintomatici che:
- abbiano ricevuto la dose booster, oppure
- abbiano completato il ciclo vaccinale primario nei 120 giorni precedenti, oppure 
- siano guariti da infezione da SARS-CoV-2 nei 120 giorni precedenti 
L'attività didattica in presenza non viene sospesa, ma con obbligo di indossare la mascherina di tipo FFP2 per almeno 10 giorni e si attiva un periodi di auto-sorveglianza di 5 giorni. E’ prevista l’effettuazione di un test antigenico rapido o molecolare per la rilevazione dell’antigene Sars-Cov-2 alla prima comparsa dei sintomi e, se ancora sintomatici, al quinto giorno successivo alla data dell’ultimo contatto stretto con soggetti confermati positivi al Covid 19.

Il regime di "auto-sorveglianza" prevede “è fatto obbligo di indossare dispositivi di protezione delle vie respiratorie di tipo FFP2 per almeno 10 giorni dall’ultima esposizione al caso. Il periodo di Auto-sorveglianza termina al giorno 5. E’ prevista l’effettuazione di un test antigenico rapido o molecolare per la rilevazione dell’antigene Sars-Cov-2 alla prima comparsa dei sintomi e, se ancora sintomatici, al quinto giorno successivo alla data dell’ultimo contatto stretto con soggetti confermati positivi al Covid 19.” (si veda la Circolare del Ministero della Salute 0060136-30/12/2021)

Riferimenti normativi: Circolare nuove modalità di gestione dei casi di positività dell'8 gennaio 2022 - Ministero dell'Istruzione

Regolamento Prevenzione Covid-19 di Istituto

Ogni scuola , ad inizio anno scolastico  invia ad ogni famiglia e pubblica sul proprio sito, il Regolamento recante le misure di prevenzione e contenimento della diffusione del SARS-COV-2.

Le norme da rispettare all’interno delle strutture scolastiche per rispettare le misure di prevenzione e contenimento, sono in genere quelle da rispettare in ambito di strutture chiuse:
- distanziamento interpersonale
- uso della mascherina chirurgica
- pulizia e disinfezione delle mani
- areazione dei locali
- in presenza di sintomi simil-influenzali o di temperatura superiore a 37.5 °C, restare a casa e avvisare il proprio medico di base.
- se si è stati a contatto con persone positivi al covid-19 negli ultimi 14 giorni , restare nel proprio domicilio. 

Per approfondimenti:

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina