Parchi naturali e aree protette

RIVOLTO A :
Bambini e/ragazzi e genitori
Oltre ad essere una buona risorsa per il tempo libero, le aree naturali offrono pacchetti didattici rivolti alle scuole per promuovere l'educazione, la sensibilità ambientale, le nuove abitudini volte al benessere proprio e altrui, la consapevolezza e la conoscenza delle zone verdi, dei parchi che possono essere sempre visitati e animati con rispetto per tutto il periodo dell'anno.


INFORMAZIONI UTILI:
FIDENZA E SALSOMAGGIORE
Parco dello Stirone riserva naturalistica
Il parco Fluviale Regionale dello Stirone è un'area protetta della Regione Emilia Romagna; il suo territorio interessa le Province di Parma e Piacenza, con i comuni di Fidenza, Salsomaggiore Terme, Alseno e Vernasca. All'interno del Parco è possibile osservare una grande varietà di flora e fauna tipiche degli ambienti fluviali, come è possibile ammirare gli affioramenti fossiliferi, testimonianza dell'antico mare padano. La forte attività erosiva del torrente Stirone ha creato uno straordinario canyon, che costituisce il Museo all'aperto di S. Nicomede.
Lungo i sentieri che costeggiano l'alveo dello Stirone, il Consorzio del parco ha realizzato diverse aree di sosta, dotate di panchine e tavoli da picnic, oltre ad un percorso vita che consente di praticare esercizi ginnici.
Lasciando l'auto negli appositi parcheggi si può passeggiare nella natura, giungendo al laghetto della Pietra Nera, ai Tre Pioppi, alberi monumentali protetti, o alle interessanti testimonianze dell'insediamento umano, come il Castello di Vigoleno con il Borgo medievale e le chiese romaniche di S. Genesio e S. Nicomede.
Si segnalano inoltre il Museo dei Fossili di Fidenza e Salsomaggiore T.

MUSEO DEI FOSSILI - Visite su prenotazione
Indirizzo: Palazzo delle Orsoline Via Costa 2, Cap. 43036
Tel. 0524/526723 – 0524/576431

Vari sono i punti d'interesse all'interno del parco: Vigoleno e le grotte omonime, l'area attrezzata San Genesio, i terrazzi alluvionali, San Nicomede e le "Cascatelle", il Museo all'aperto, il Bosco ripariale in località "La Bocca", i calanchi di Rio Stramonte e la voragine nei pressi di Montezago. Il Castello di Scipione, Salsominore e Castell'Arquato sono punti di interesse limitrofi all'Area protetta.
Per chi fosse interessato alle escursioni, si consiglia una passeggiata che permetterà di approfondire la conoscenza della zona, con partenza da Fidenza fino a San Nicomede della durata di 4 ore e 30 minuti. Il percorso risulta interrotto nel periodo Maggio-Agosto per consentire la nidificazione dei gruccioni; per informazioni contattare l'Ente Parco. Altri sentieri attrezzati sono presenti nelle principali aree di interesse paleontologico dell’Area protetta.
Da segnalare, in località San Nicomede, l’area didattica del Centro Recupero Animali Selvatici (CRAS) “Le Civette”, aperta al pubblico nei fine settimana, con la possibilità di osservare gli uccelli rapaci della zona.
Sito internet: www.parchidelducato.it


POLESINE-ZIBELLO 
Una crociera fluviale… fino a Venezia!
Il Po non solo ha dato acqua e cibo ai suoi abitanti, ma, con i suoi lunghi tratti navigabili, ha costituito per secoli un’importante via di comunicazione, permettendo di trasportare uomini e merci. Dai porti fluviali di Boretto (Reggio Emilia) e di Polesine Parmense (Parma), nella bella stagione, è possibile imbarcarsi per un’indimenticabile crociera che, tra varie tappe d’interesse storico, naturale ed enogastronomico, potrà condurre i viaggiatori fino al Mincio e ai laghi di Mantova, oppure oltre il Delta, fino a Comacchio e a Venezia.
Per informazioni:
Sito internet:
www.infrastrutturefluviali.it
www.visitporiver.it

L’Ippovia del Po
Le strade sterrate, gli argini e le golene del Po sono l’ideale per una gita a cavallo. L’Ippovia del Po è un percorso di oltre 440 chilometri, da Casale di Monferrato (Alessandria) fino a Ferrara. Un tratto del percorso attraversa la provincia di Parma, passando per i comuni di Polesine Parmense e Zibello.
Per informazioni:
Sito Internet: www.visitporiver.movimentolento.it


SISSA TRECASALI     
Parco centro polifunzionale del Comune
Indirizzo: Via Fratelli Cervi 7,  Cap. 43018
Tel. 0521/527005
Gestito dall'Associazione Sportiva dilettantistica di  Sissa.
Nel complesso è presente un Parco avventura attrezzato per percorsi e arrampicate, una pista polivalente per il pattinaggio, basket, calcetto e pallavolo; un campo da green volley e un campo da tennis. Obbligatorio l'uso delle protezioni ginocchiere, gomitiere, casco. Inoltre un campo da calcetto in sintetico A5.
Aperto tutti i giorni dalle ore 8 alle 20.
Lungo il PO,  nel comune di Sissa Trecasali, si trova la più attrezzata realtà fluviale della Provincia di Parma: Parco fluviale Boschi di Maria Luigia.
Con una superficie di 40.000 metri quadrati, rappresenta il tipico esempio dell'ambiente fluviale padano. E' dotato di attrezzature per il tempo libero come piscina, giochi per bambini, campi di beach volley, Area Camper.
La Riserva Naturale, (istituita dalla Regione Emilia – Romagna nel 2010), si estende per circa 109 ettari nei Comuni di Trecasali e Torrile, nella porzione nord-orientale della Provincia di Parma, e interessa una porzione dell’Oasi Lipu (nata nel 1988 per favorire la sosta e la nidificazione del Cavaliere d’Italia, grazie al lavoro di alcuni attivisti della Sezione Lipu di Parma).
Riserva e Oasi sono comprese all’interno di una più ampia zona di tutela, inserita nell’elenco dei SIC e ZPS della Rete Natura 2000.
In particolare, l’Area protetta tutela una zona umida localizzata alla sinistra del Torrente Parma, accanto alle vasche di decantazione dello zuccherificio Eridania e, a pochi chilometri di distanza, dai Fontanili siti in località Commenda, tra le ultime risorgive dell’Alta Pianura parmense.
Le principali finalità perseguite con l’istituzione della Riserva sono quelle di garantire la protezione e la conservazione degli ambienti rinaturalizzati come habitat per la nidificazione, lo svernamento e la migrazione dell’avifauna e di assicurare il mantenimento, in uno stato di conservazione soddisfacente, delle specie e degli habitat di interesse comunitario.
Area delle risorgive di Viarolo, il sito occupa un’ampia zona della bassa pianura parmense, da Viarolo di Trecasali al fiume Po, attraverso un complesso mosaico di ambienti naturali e seminaturali che comprendono fontanili, canali, prati stabili, aree golenali, zone umide ripristinate, siepi e filari alberati.
Include la Garzaia Zamorani e l’Oasi Lipu di Torrile.
Per la fauna degli ambienti padani è un’area di rifugio. Molte specie vi trovano ristoro durante le lunghe migrazioni, altre vi trascorrono l’inverno, altre ancora qui nidificano ed allevano i pulcini. (Si osservano le cicogne bianche oppure gli eleganti cavalieri d’Italia e il Falco di palude).
Di notevole pregio ambientale sono i fontanili di Viarolo, acque di risorgiva che sgorgano dal sottosuolo con temperature costanti tutto l’anno.
Ente Gestione per i Parchi e la Biodiversità
E-mail: info@parchiemiliaoccidentale.it

Il Parco del Taro tutela il tratto di fiume tra Fornovo e Pontetaro (comprende i comuni di Fontevivo e Noceto)  ha un’estensione di circa 2000 ettari (oltre 3000 se si include l’area contigua).
Da anni l’Ente sta operando per salvaguardare questo importante corridoio naturale, in cui convivono luoghi ad elevata naturalità, aree agricole e altre profondamente modificate dall’uomo.
Area protetta di grande importanza come rotta di migrazione e sito di nidificazione di diverse specie di uccelli, rappresenta un luogo ideale per il turismo verde.
Ente Gestione per i Parchi e la Biodiversità
info@parchiemiliaoccidentale.it


PERCORSI NATURA: A PIEDI, IN BICI, A CAVALLO, IN NAVE…
La Bassa è uno dei luoghi in cui, più che altrove, si combatte l’eterna battaglia tra uomo e natura: le terre umide e fertili vicino al Po sono coltivate da millenni e campi, pioppeti, argini, canali e cascine modellano il paesaggio; ma, talvolta, i capricci del Grande Fiume – amato e temuto dai suoi abitanti – sconvolgono i confini e riguadagnano spazi alla natura selvaggia in un delicato e cangiante equilibrio.
Per questo, le nostre campagne sono tra i luoghi più affascinanti d’Italia, meritevoli d’essere scoperti con lentezza: a piedi, in bicicletta, in barca, a cavallo, ripercorrendo le tracce di illustri esploratori.


Busseto, Soragna, Roccabianca
A Busseto, potete imboccare uno dei percorsi delle Ciclovie del Po e attraversare i luoghi cari a Verdi e Guareschi: Roncole, Busseto e Sant’Agata; Soragna, Fontanelle, Roccabianca
Le biciclette si possono noleggiare presso lo I.A.T di Busseto:
Tel. 0524/92487
Per informazioni:
Sito internet: www.bicitalia.org
Sito internet: www.visitporiver.it





Azioni sul documento

pubblicato il 2017/12/19 01:00:00 GMT+2 ultima modifica 2017-12-19T18:30:00+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina