Il parto

COS'E'
E’ un evento naturale. È possibile effettuare sia il parto fisiologico sia quello cesareo.
Nei casi di gravidanze a "basso rischio", definite sulla base di linee guida condivise da tutti gli operatori, con la legge regionale 26/98 è stato riconosciuto il diritto di scegliere di partorire, oltre che negli ospedali, anche nella propria abitazione o nelle case di maternità. Per partorire a domicilio (se le condizioni di sicurezza lo consentono) è necessario informare l'Azienda USL di residenza entro e non oltre l'ottavo mese di gravidanza. Con i certificati sanitari bisogna presentare la "dichiarazione di presa in carico" con cui l'ostetrica (o il medico ginecologo) di fiducia si assume la responsabilità dell'assistenza. Il parto a domicilio si svolge in collegamento con i servizi dell'ospedale, pronti ad intervenire in caso di emergenza.

RIVOLTO A
A tutte le donne al termine della gravidanza.

DOVE ANDARE:
Nuovo Ospedale di Sassuolo
Via Ruini, 2 – Sassuolo (MO) - Tel. 0536/ 846752 –  Fax. 0536/ 846616 - Centralino 0536/ 846111
Unità Operativa di Ginecologia e Ostetricia

COSA OCCORRE:
Fissare un appuntamento telefonando all'ambulatorio della gravidanza a termine.
La donna viene accolta dall'ostetrica per la compilazione della cartella clinica in previsione del ricovero e la prenotazione dell'eco falda alla 40° settimana per la valutazione del benessere fetale da parte del ginecologo. Non occorre impegnativa del medico. E' prevista la prenotazione telefonica alla 30° settimana.

INFORMAZIONI UTILI
Se la donna si trova in difficoltà non superabili può non riconoscere il bambino, partorire in anonimato e rinunciare al figlio, garantendogli il diritto di crescere.

Azioni sul documento

pubblicato il 2010/03/05 13:55:00 GMT+2 ultima modifica 2017-12-19T18:39:00+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina