Servizi residenziali

CHE COS'E':
Gli interventi di tipo residenziale per minori con disabilità, si prevedono in caso di gravi problematiche di gestione familiare e per periodi limitati nel tempo.
Si possono effettuare in strutture residenziali o presso famiglie disponibili all’affido.
In entrambe le situazioni, il Servizio Sociale accompagna, supporta e verifica i vari interventi.

  • “Strutture Residenziali”

Si tratta di strutture di piccole dimensioni, di carattere comunitario, che rispettano i requisiti strutturali, organizzativi e tecnici previsti dalla normativa regionale e nazionale. Offrono una presa in carico globale degli aspetti educativi, sociali, sanitari e di cura garantendo Progetti individualizzati.

  • “Famiglie affidatarie”

Offrono accoglienza all’interno della propria famiglia: sostegno e aiuto al bambino/ragazzo con disabilità per un periodo definito. Oltre alla permanenza in famiglia, vengono garantite le attività quotidiane (scuola, eventuali visite mediche, riabilitazione, ecc) secondo il Progetto individualizzato.

RIVOLTO A:
Il servizio residenziale o l’affido familiare sono rivolti a minori che risultano privi del necessario supporto familiare o per i quali la permanenza nel nucleo familiare di origine sia valutata temporaneamente non idonea dal Tribunale dei Minori.La domanda di inserimento può essere presentata da:

  • La famiglia o il genitore in grave difficoltà.
  • Il giudice tutelare, qualora sia in corso un provvedimento del Tribunale dei Minori.

DOVE ANDARE:
Dall’assistente sociale dell’Area Territoriale di residenza che in collaborazione con il neuropsichiatria o psicologo dell’AUSL che ha in carico il minore, propongono il tipo di intervento.

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina