Regime patrimoniale dei beni

CHE COS'E'

Il regime patrimoniale è l'insieme delle regole e delle leggi che regolano il patrimonio (beni materiali immobili e mobili) posseduto da una coppia sposata. Al momento del matrimonio, la coppia entra automaticamente in un regime legale di comunione dei beni, cioè i beni posseduti da entrambi diventano comuni. Il regime patrimoniale stabilisce appunto quali beni, secondo la legge, diventano automaticamente di entrambi e quali invece invece rimangono di proprietà esclusiva di un solo coniuge.

Una coppia però può scegliere un regime patrimoniale di separazione dei beni, dichiarandolo espressamente davanti all'ufficiale di Stato Civile al momento della celebrazione del matrimonio. Questa questa scelta può essere fatta anche dopo il matrimonio con un atto redatto dinanzi ad un notaio.

RIVOLTO A 

Coppie che decidono di di sposarsi, sia con rito civile che religioso, o che decidono di formare un'unione civile.

INFORMAZIONI UTILI

Con la comunione dei beni, entrambi i coniugi diventano proprietari di:

  • acquisti compiuti dai coniugi dopo il matrimonio;
  • aziende gestite da entrambi i coniugi e costituite dopo il matrimonio;
  • i guadagni che derivano da un'azienda, anche se era di proprietà di uno solo dei coniugi prima del matrimonio, gestita da entrambi durante il matrimonio;
  • i risparmi dei coniugi.

Sono esclusi invece dalla comunione dei beni:

  • i beni che appartenevano al coniuge prima del matrimonio (per esempio case, fondi risparmio);
  • i beni che un coniuge riceve in eredità o per una donazione (a meno che nell'atto di successione o donazione non venga dichiarato diversamente);
  • i beni di uso strettamente personale o che il coniuge utilizza per lavoro e tutto quello che si acquisisce vendendo o scambiando questi beni;
  • i beni che un coniuge riceve come risarcimento danni;
  • la pensione per incapacità lavorativa a causa di invalidità;

Tuttavia esistono altre forme che tutelano e regolamentano il regime patrimoniale posseduto dai coniugi:

  • la comunione convenzionale, con la quale i coniugi hanno, di comune accordo, la facoltà di ridefinire la comunione dei beni prevista dalla legge, dichiarando espressamente ciò che rientrerà in comunione dei beni dopo il matrimonio (per esempio far rientrare in comunione dei beni alcune proprietà che avevano acquisite prima del matrimonio);
  •  i coniugi possono costituire un fondo patrimoniale, un patrimonio formato da beni destinati esclusivamente alle necessità della famiglia. In questo fondo possono rientrare solo i beni immobili, beni mobili iscritti nei registri di stato, titoli di credito.

DOVE ANDARE

La dichiarazione di separazione dei beni avviene durante il matrimonio presso l'ufficiale di  stato civile che la inserisce nell’atto di celebrazione del matrimonio; Dopo le nozze presso uno studio notarile.

Per approfondimenti consultare www.notariato.it

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/12/01 11:53:36 GMT+2 ultima modifica 2020-12-01T11:53:36+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina