Regime patrimoniale dei beni

CHE COS'E':
Gli sposi all'atto della celebrazione del matrimonio, sono chiamati a scegliere il regime patrimoniale che regolerà la loro vita matrimoniale, fra comunione dei beni o separazione dei beni.

COSA OCCORRE:
se gli sposi scelgono la comunione dei beni non debbono fare nulla:

- il silenzio implica automaticamente il regime di comunione dei beni;
- se preferiscono la separazione dei beni: all'atto della celebrazione del matrimonio con rito civile, occorre dichiarare all'Ufficiale di Stato Civile la volontà di mantenere separati, anche per il futuro, i rispettivi beni.
- in base all'articolo 30 della Legge n.218 del 1995, i coniugi possono anche scegliere di essere regolati dalla legge dello stato di appartenenza (se stranieri) o del luogo estero di residenza.

Nell'ipotesi di matrimonio concordatario (con rito religioso), tale dichiarazione dovrà essere accolta dal Sacerdote che celebra il matrimonio ed inserita nel relativo atto di matrimonio da trasmettere all'Ufficiale di Stato Civile per la prescritta trascrizione.


DOVE ANDARE:
Settore: Settore Demografico, Cimiteriale e Decentramento
Ufficio: Stato Civile
Indirizzo: Via Caduti di Marzabotto 25 - 47922 Rimini
Telefono: 0541 793962

E-mail: grazia.benini@comune.rimini.it
statocivile@comune.rimini.it
Orario: da lunedì a venerdì 8-12
Parcheggio: Piazza Caduti di Cefalonia

INFORMAZIONI UTILI:
Se la richiesta della separazione dei beni è successiva al matrimonio, i coniugi devono ufficializzare la loro volontà presso un notaio attraverso un atto che attesti il cambiamento della loro posizione finanziaria e devono depositare l'atto presso l'ufficio di Stato Civile del Comune dove è stato celebrato il matrimonio.

Azioni sul documento

pubblicato il 2022/04/06 17:00:00 GMT+2 ultima modifica 2022-04-06T17:00:58+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina