Matrimonio Concordatario (Religioso)

RIVOLTO A:
Coppie che intendono sposarsi con il rito religioso con effetti civili.

COSA OCCORRE:
I documenti necessari da presentare al Parroco per contrarre matrimonio con rito religioso cattolico (concordatario) sono i seguenti:
- certificato di battesimo
- certificato di cresima (da richiedere alle parrocchie presso le quali sono stati celebrati i due sacramenti).
Il Parroco provvederà a preparare una richiesta di Pubblicazioni per l'Ufficio di Stato Civile.
Gli altri documenti necessari (atto di nascita e certificato contestuale di residenza, cittadinanza, stato libero) sono invece acquisiti d'ufficio dall'Ufficiale di Stato Civile previa compilazione di un apposito stampato da parte dei nubendi presso l'Ufficio medesimo.
Entro 5 giorni dall'avvenuta celebrazione, il Parroco deve trasmettere all'Ufficiale dello Stato Civile l'atto di matrimonio ai fini della sua trascrizione nei Registri degli Atti di Matrimonio del Comune.
Con la trascrizione, il matrimonio assume rilevanza giuridica anche per lo Stato Italiano con decorrenza dalla sua data di celebrazione.

DOVE ANDARE:
I futuri sposi che intendono contrarre matrimonio con rito religioso (concordatario) devono recarsi dal Parroco della propria Parrocchia, per tutte le informazioni inerenti la celebrazione.
Per le informazioni inerenti la sottoscrizione presso l'Ufficio di Stato Civile del Comune del verbale conseguente alla richiesta di pubblicazioni di matrimonio, la successiva trascrizione dell'atto ed ogni altra informazione utile, occorre rivolgersi Servizio Servizi Demografici - Ufficio di Stato Civile - Reparto Matrimoni - Piazza  Fausto Beretta, 19.
L'Ufficio è aperto al pubblico dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 12.00 - martedì anche dalle 14.00 alle 16.00. Gli uffici dello Stato Civile sono raggiungibili telefonicamente solo dalle ore 12.00 alle ore 13.30. Tel. 0532/419700, e-mail statocivile[at]comune.fe.it

INFORMAZIONI UTILI:
I cittadini che professano altre confessioni religiose possono celebrare il matrimonio con riconoscimento degli effetti civili del medesimo secondo il loro rito, purché il loro culto sia riconosciuto dallo Stato Italiano e regolato da apposita "intesa".
Per maggiori informazioni sulle modalità da seguire occorre rivolgersi all'Ufficio di Stato Civile.

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/12/02 15:10:00 GMT+2 ultima modifica 2020-12-02T15:26:42+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina