Matrimonio religioso

 

In Italia sono previste due forme di matrimonio, quello civile e quello religioso con effetti civili. I matrimoni religiosi i cui effetti sono riconosciuti civilmente dallo stato italiano sono quello celebrati davanti a un ministro di culto della confessione religiosa che ha stipulato una intesa con lo stato italiano. Attualmente sono riconosciuti i matrimoni celebrati davanti a ministri di culto delle seguenti confessioni religiose:

Chiesa Cattolica (matrimonio concordatario), Tavola Valdese, Unione Italiana delle Chiese Cristiane Avventiste del Settimo Giorno, Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, Assemblee di Dio in Italia (ADI), Unione Battista, Chiesa Evangelica Luterana in Italia , Unione Buddista Italiana , Unione Induista Italiana, Sanatana Dharma Samgha , Arcidiocesi d’Italia ed esarcato per l’ Europa meridionale ( ortodossi ) , Chiesa di Gesù Cristo dei santi degli ultimi giorni ( mormoni ), Chiesa Apostolica d’Italia .

Tali celebrazioni sono regolate da normative specifiche che prevedono diverse modalità e documentazioni. In questi casi il ministro del culto celebra le nozze dopo aver ottenuto l'autorizzazione dall'Ufficiale di Stato Civile, al quale trasmetterà l'atto di matrimonio per la trascrizione nei relativi registri.

Il 4 aprile 2007 la Repubblica Italiana ha stipulato intese con alcune organizzazioni religiose che prevedono, tra l'altro, il riconoscimento degli effetti civili dei matrimoni religiosi celebrati davanti ai ministri di culto delle rispettive organizzazioni religiose. Tuttavia queste intese non sono state ancora sottoposte al Consiglio dei Ministri per la successiva ratifica del Parlamento. Le intese riguardano i rapporti tra la Repubblica Italiana e le seguenti organizzazioni religiose:

  • Sacra Arcidiocesi Ortodossa d’Italia ed Esarcato per l’Europa Meridionale (cristiani ortodossi che si riconoscono nel Patriarcato di Costantinopoli), 
  • Congregazione Cristiana dei Testimoni di Geova, 
  • Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi giorni (mormoni), Unione Induista Italiana, 
  • Santana Dharma Samgha.

Nessuna intesa è stata ancora raggiunta tra le organizzazioni islamiche in Italia e Repubblica Italiana per attribuire effetti civili ai matrimoni islamici.

Matrimonio Concordatario

Nel diritto civile italiano, il matrimonio concordatario è il matrimonio canonico trascritto nei Registri di Stato Civile del Comune, al quale lo Stato riconosce effetti civili. Attualmente è regolato dall' art. 8 della LN 121 del 25 marzo 1985  e art. 4 (pdf, 45.0 KB)che costituisce parte integrante dell'accordo. Entrambe le forme, sia quella civile che quella concordataria, conferiscono ai coniugi medesimi diritti e doveri. Infatti per effetto delle leggi concordatarie, il matrimonio religioso ha anche valore civile se al termine della cerimonia religiosa il sacerdote officiante dà lettura di alcuni articoli del codice civile relativi ai diritti e doveri dei coniugi e l'atto di matrimonio viene trascritto nei Registri dello stato civile.
La scelta del regime patrimoniale dei beni dovrà essere comunicata al parroco che la riporterà nell'Atto di matrimonio.
Nel caso l'atto non venga trascritto nei Registri di stato civile, il matrimonio avrà valore solo per la Chiesa (matrimonio canonico).
Il matrimonio religioso concordatario e quello solamente religioso debbono essere celebrati nella parrocchia di appartenenza di uno dei due sposi o in quella che diventerà la loro parrocchia.
Per celebrare il matrimonio in altro luogo occorre il nulla osta delle parrocchie di appartenenza.
Prima di concedere l'autorizzazione alla celebrazione del matrimonio religioso, la Chiesa richiede di verificare la professione di fede dei due sposi e le basi della loro scelta.
Per questo le parrocchie organizzano dei corsi di preparazione al matrimonio la cui frequenza è obbligatoria e gratuita.
Gli sposi possono decidere di seguire il corso in una delle parrocchie di provenienza oppure in una terza a scelta. Al termine, viene rilasciato l'attestato di frequenza che rientra tra i documenti necessari per la celebrazione religiosa.
Contrariamente a quello che avviene per il rito civile, il matrimonio religioso necessita infatti di un maggior numero di documenti come ad esempio i certificati di battesimo e di cresima e anche di pubblicazioni religiose da affiggere per 8 giorni nella Parrocchia dove si terrà il matrimonio.
Per quanto riguarda il matrimonio religioso, la chiesa impone delle restrizioni: non è permesso sposarsi durante l'Avvento e la Quaresima a meno di deroghe specifiche.
Per la cerimonia è necessaria la presenza di testimoni; la legge ne prevede due, ma la tradizione ne concede fino a quattro, scelti almeno due mesi prima della data delle nozze.
I testimoni firmano l'atto di matrimonio insieme agli sposi attribuendo legalità all'evento.

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina