Il riconoscmento di maternità o paternità

COS’E’:

Il riconoscimento è l’atto con il quale uno o entrambi i genitori si attribuiscono la paternità o maternità di una data persona creando un rapporto giuridico con il figlio riconosciuto.

Si parla di riconoscimento solo per i figli nati al di fuori del matrimonio, perché i figli nati da genitori coniugati acquistano questo loro status automaticamente. I figli nati fuori dal matrimonio possono essere riconosciuti dalla madre o dal padre o da entrambi, separatamente o congiuntamente, anche se già uniti in matrimonio con un’altra persona.

La legge 219/12 stabilisce il superamento di ogni ineguaglianza normativa tra figli legittimi e figli naturali in virtù del principio dell’unicità dello status di figlio. Pertanto, i figli nati fuori dal matrimonio sono equiparati a tutti gli effetti ai figli nati in costanza di matrimonio.

RIVOLTO A:

Neo-genitori

INFORMAZIONI UTILI:

I genitori devono avere un documento d'identità valido (carta d'identità, patente di guida, passaporto) e l'attestato di nascita del nuovo nato rilasciato dall'ostetrica.

Se i genitori sono coniugati devono presentare la documentazione comprovante il matrimonio. La presentazione di questa documentazione è obbligatoria per i non residenti.

Se i genitori coniugati sono stranieri occorre l'atto di matrimonio tradotto e legalizzato.

Nel caso i genitori non siano coniugati, devono presentarsi entrambi con la documentazione richiesta; il neonato prende il cognome del genitore che lo riconosce.

In caso di riconoscimento successivo, cioè dopo che il neonato è già stato riconosciuto solo da uno dei genitori, l'atto di riconoscimento deve essere effettuato sempre all'ufficio di stato civile ma è necessario l'assenso del genitore che ha precedentemente riconosciuto il neonato.

Per i cittadini stranieri fa fede la legislazione del paese di appartenenza dei genitori.

La mancata iscrizione del neonato entro 10 giorni dalla nascita comporta la segnalazione al Procuratore della Repubblica.

DOVE ANDARE:

  • presso l'Ufficio Stato Civile del Comune di residenza, entro 10 giorni dalla nascita, preferibilmente prima della dimissione della madre.

  • presso l’Ospedale dove si è verificato il parto, entro 3 giorni dalla nascita.

  • presso l’Ufficio Stato Civile del Comune dove è avvenuta la nascita, entro 10 giorni dalla nascita, preferibilmente prima della dimissione della madre.

Per il Comune di Fiorenzuola d'Arda l'Ufficio è in P.le S. Giovanni, 2 (piano terra)

Lunedì, martedì, mercoledì e venerdì ore 9.00-12.30

Martedì ore 15.00-16.30

Giovedì ore 8.30-12.30

Sabato ore 9.00-12.00

Tel. 0523 989303 / 989302

Mail: anagrafe@comune.fiorenzuola.pc.it

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/07/30 16:56:18 GMT+2 ultima modifica 2020-07-30T16:56:18+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina