Pubblicazioni di matrimonio

RIVOLTO A
Coppie che intendono contrarre matrimonio, in possesso dei seguenti requisiti:

  • le cittadine e i cittadini maggiorenni che hanno lo stato libero. Oltre allo stato libero è necessario che le persone che decidono di sposarsi non siano legate da vincoli di parentela, di affinità di adozione e affiliazione nei gradi stabiliti dal Codice Civile;
  • le cittadine e i cittadini non ancora maggiorenni, ma che hanno compiuto 16 anni, con l'autorizzazione del Tribunale dei Minorenni di Bologna;
  • i cittadini e le cittadine che hanno ottenuto la cessazione degli effetti civili di un eventuale precedente matrimonio; se il matrimonio è religioso cattolico per risposarsi con cerimonia religiosa cattolica occorre ottenere l'annullamento del precedente matrimonio dal Tribunale della Sacra Rota.

I futuri sposi che intendono contrarre matrimonio devono richiedere le Pubblicazioni di Matrimonio all'Ufficiale di Stato Civile del Comune di residenza di uno di essi.
Il matrimonio potrà essere celebrato in qualsiasi comune indipendentemente dalla residenza dei nubendi.
I futuri sposi, o anche uno solo di essi, devono presentarsi all'Ufficiale dello Stato Civile per richiedere l'acquisizione d'ufficio della documentazione necessaria ai sensi di legge.
Una volta acquisita la documentazione i due nubendi chiedono di procedere alle pubblicazioni. Detto procedimento si concluderà con la sottoscrizione di un verbale. Le pubblicazioni rimangono esposte per 8 giorni all'Albo Pretorio (on line).
Nel caso di matrimonio CIVILE in sede di pubblicazioni verrà scelto il regime patrimoniale della futura famiglia (separazione o comunione dei beni) e fissata la data del matrimonio. 
Nel caso di matrimonio concordatario è necessaria la richiesta di Pubblicazione Civile redatta dal Parroco o da altro Ministro di Culto. In questo caso gli interessati provvederanno, decorsi i termini di legge, (otto giorni più tre giorni) al ritiro del Certificato di Eseguita Pubblicazione da consegnare al Parroco o al Ministro di Culto.
Le Pubblicazioni effettuate hanno validità 6 mesi. Pertanto se il matrimonio non viene celebrato entro 180 giorni dalla data di Eseguite Pubblicazioni, queste decadono.

DOVE
La coppia deve recarsi all'Anagrafe, presso l'ufficio Matrimoni, per la compilazione di una dichiarazione sostitutiva di certificazione (la documentazione necessaria viene acquisita d'ufficio).
Una volta acquisita la coppia verrà contattata dall'Ufficio Matrimoni per fare la richiesta di pubblicazioni.
L'ufficio Matrimoni si trova in viale Beverora n.57, tel. 0523.492.541.

COSA OCCORRE

  • modulo di richiesta di pubblicazioni di matrimonio di entrambi i futuri coniugi
  • documento d'identità valido (richiesto per tutte le persone che compaiono)
  • richiesta del parroco o del Ministro di culto ammesso nello Stato per i soli matrimoni da celebrarsi in forma religiosa

ULTERIORI INFORMAZIONI
Per i cittadini stranieri (comunitari e extracomunitari) dichiarazione di nulla-osta, prevista dall'art. 116 del C.C., rilasciata in Italia dall'autorità diplomatica (consolato o Ambasciata) del proprio paese presente in Italia. Tale nulla osta deve essere legalizzato o presso la Prefettura dove ha sede l'Autorità diplomatica o presso la Prefettura di Piacenza, sempre che non si tratti di paese esente da legalizzazione (Austria, Belgio, Croazia, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Gran Bretagna, Grecia, Irlanda, Liechtestein, Lussemburgo, Macedonia, Norvegia, Olanda, Portogallo, Repubblica di S. Marino, Slovacchia, Slovenia, Svizzera, Spagna, Turchia, Ungheria); in mancanza del nulla-osta occorre una sentenza del Tribunale Italiano.

Azioni sul documento

ultima modifica 2018-06-27T11:16:00+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina